A cinque anni di distanza dall’operazione Minotauro, che ha messo a nudo la presenza della criminalità organizzata nel tessuto politico ed economico nel torinese, Libera Piemonte ha promosso un’inchiesta sulla presenza delle tematiche legate al contrasto alle mafie e alla corruzione nei programmi elettorali dei candidati sindaco alla Città di Torino.

Lo studio condotto da Libera Piemonte ha analizzato i programmi ufficiali pubblicati sull’Albo Pretorio del Comune di Torino. Sono stati presi in considerazione le 34 liste collegate ai 17 candidati sindaco che si presenteranno alle elezioni comunali del 5 giugno 2016.

L’obiettivo di questa analisi è stato quello di verificare l’attenzione e la sensibilità dei candidati nei confronti dei temi della legalità, sicurezza, mafia, corruzione, appalti e trasparenza.

Per vedere i risultati dell’inchiesta SCARICA IL DOCUMENTO.

GUARDA LA PRESENTAZIONE DELL’ANALISI

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *