#22novembre: facciamo crescere sicurezza

Condividi

Anche quest’anno il 22 novembre saremo in piazza per chiedere maggiore sicurezza negli edifici scolastici e maggiori investimenti nella  cultura della sicurezza. Lo faremo nel giorno dell’anniversario della morte di Vito Scafidi, giovane diciassettenne rimasto schiacciato dal crollo del controsoffitto mentre si trovava a scuola, il liceo Darwin di Rivoli. Ma il 22 novembre dal 2015 è diventata anche una data iscritta nel calendario repubblicano: la giornata Nazionale della sicurezza nelle scuole.

Anche l’Ufficio scolastico Regionale ha divulgato una circolare nella quale invita studenti e professori a partecipare all’iniziativa.

Scarica la locandina dell’iniziativa

 

Programma:

  • Ritrovo in piazza Castello, fronte prefettura, alle ore 9:30, dove una delegazione incontrerà il Prefetto, Sua Eccellenza Renato Saccone
  • a seguire, la marcia lungo via Po verso via Rossini, con un accompagnamento musicale e la lettura dei nomi di tutte le vittime dell’edilizia scolastica
  • conclusione in via Rossini, alle ore 10:30, presso il parcheggio dell’Auditorium della Rai, momento di musica e di parole, in ricordo dei tragici avvenimentiIn contemporanea, alle ore 11:00:
  • Smart mob “Facciamo Crescere Sicurezza”, presso i Giardini Reali. Gli studenti prepareranno il “fertilizzante” con cui alimentare la pianta della sicurezza, indicando gli elementi fondamentali per consentire la crescita della sicurezza. Gli stessi andranno a costituire, simbolicamente, il contenuto di una bottiglia di fertilizzante che porteranno a scuola, insieme ad una pianta che sarà loro donataAccanto a questa iniziativa, anche Videobox, per raccogliere la voce degli studenti sul tema e per la creazione di “pillole video”, messe poi a disposizione delle scuole e del MIUR.
  • Assemblea delle delegazione studentesche presso l’Itis Avogadro (aula magna), per parlare con le Istituzioni di “Sicurezza scolastica: facciamo il punto”. Vista la capienza dell’aula, si richiede di iscriversi tramite invio di seguente indirizzo: [email protected]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *