Ad alta voce per i diritti e la giustizia sociale. Torino sarà una delle 50 “piazze” d’Italia in cui il 14 ottobre, in vista della giornata Onu per la lotta contro la povertà, si organizzeranno momenti di confronto, testimonianza e proposta politica “dal basso”. Il cuore della mobilitazione sarà sabato 14 ottobre a Roma, con la presenza di Don Luigi Ciotti, in piazza San Giovanni Bosco, luogo diventato tristemente famoso per i funerali di Vittorio Casamonica. Ed è qui che da cinque anni è attiva una “tenda contro la crisi” per dare sostegno ai cittadini in difficoltà. Com’è nello spirito della rete “Numeri Pari”, promotrice dell’iniziativa nazionale “Ad Alta Voce”, anche a Torino i protagonisti della giornata saranno gruppi o singoli cittadini impegnati fattivamente e quotidianamente accanto a chi fa più fatica. Presso lo spazio Torino Esposizioni, nell’ambito del Grandissimo Mercatino dell’usato e dell’antiquariato organizzato a scopo di raccolta fondi da Emmaus Italia, un’intera giornata, quella di domenica 15 ottobre, sarà affidata agli interventi di forum cittadini.
Gruppo Abele, Libera, Acmos e molte altre realtà torinesi aderenti alla rete Numeri Pari in particolare propongono, dalle ore 17 alle ore 19, alcuni “tavoli” di confronto tematico sulla povertà a Torino, su lavoro nero e caporalato e sulla situazione delle persone rifugiate in Italia e nel resto d’Europa.
Tra gli interventi sono già in programma quelli di Leopoldo Grosso (psicologo e psicoterapeuta) per il Gruppo Abele, Livio Pepino (magistrato, direttore delle edizioni Gruppo Abele), Diego Montemagno (presidente Acmos), Maria José Fava (referente Libera Piemonte).

 

 

Scarica la locandina con gli appuntamenti della Rete Numeri Pari a Torino

Scarica la locandina del Mercatino Emmaus 2017

Leggi l’appello e le proposte della rete Numeri Pari