Ancora fermi i lavori nella villa confiscata al narcotrafficante Assisi

Condividi

Due anni fa entravamo per la prima volta nella villa di San Giusto Canavese, appartenuta al narcotrafficante Nicola Assisi.
Il tempo passa, ma il meccanismo di riscatto del bene stenta a partire e il riutilizzo sociale è ancora fermo. Quali sono i motivi di questa attesa?
Lo chiediamo alle Istituzioni, che devono dare una risposta, per non far vincere le mafie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *