Raccontiamo il bene! – Il nuovo report sul riutilizzo sociale dei beni confiscati

Condividi

 

raccontiamo il bene - 28 anni di 109/96 per il riutilizzo sociale dei beni confiscati

Oggi, dopo 28 anni dall’approvazione della legge 109, con 1065 soggetti della società civile organizzata che gestiscono beni confiscati, possiamo scrivere con convinzione che il primo obiettivo è stato raggiunto: i beni confiscati, da espressione del potere mafioso, si sono trasformati in beni comuni, strumenti al servizio delle nostre comunità.

Con queste parole, Tatiana Giannone, responsabile nazionale Beni Confiscati di Libera, celebra proprio oggi, 7 marzo, i ventott’anni della legge 109/96!

E proprio oggi, per festeggiare questa data, è stato pubblicata la nuova edizione del dossier di Libera che racconta le pratiche di riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie! 

Un report che nasce anche da un percorso condiviso e partecipato, che ha aiutato a fotografare un pezzo d’Italia che resiste e combatte, che ogni giorno si impegna per liberare i propri territori dalla presenza criminale e mafiosa, per dare nuove opportunità di vita alle persone. 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *