Libera Piemonte

Il Piccolo Atlante della Corruzione

Grazie al “laboratorio di analisi e indagine sulla percezione della corruzione” 220 studenti, di 3 Scuole Superiori del Piemonte, indagheranno il fenomeno della corruzione nei territori dei rispettivi Municipi. I risultati della mappatura delle aree metropolitane prese in esame saranno pubblicati e messi a disposizione...

Scritto da

mercoledì 27 aprile 2016

Nessun Commento

Sparagna e Caselli agli studenti: “la legalità conviene”

Una giornata per parlare di legalità, di mafie, del rispetto delle regole a 300 giovani delle scuole medie del torinese. E’ accaduto oggi, alla fabbrica delle e. A parlare agli studenti, Gian Carlo Caselli, ex magistrato e Roberto Sparagna, PM della Procura di Torino. Insieme hanno condotto la più grande operazione contro la ‘ndrangheta in […]

Scritto da

giovedì 21 aprile 2016

Nessun Commento

Per un due anni e mezzo abbiamo alzato le serrande del Bar Italia Libera, un tempo luogo di malaffare ed illegalità. Luogo coinvolto nella vasta operazione Minotauro, che l’8 giugno 2011 ha visto centinaia di arresti e l’avvio di un lungo processo che ha scoperchiato il vaso di Pandora della presenza ‘ndranghetista sul nostro territorio. Aprire questo spazio, dandogli un connotato opposto a quello che per anni ha rappresentato, è stata una sfida che abbiamo affrontato con passione e determinazione. Abbiamo accolto la proposta del Tribunale di Torino di utilizzare in via transitoria quei locali e quella licenza e riaprire, sotto...

Scritto da

mercoledì 20 aprile 2016

1 Commento

La storia di Marcello Torre, primo cittadino di Pagani (SA) ucciso dalla camorra, raccontata nel libro "il Sindaco Gentile", edito da Malampo. Oggi a Binaria, centro commensale del Gruppo Abele, è stato presentato l'ultimo lavoro di Marcello Ravveduto, che ha dialogato  con Fosca Nomis, presidente della Commissione Legalità del Comune di Torino e Annamaria Torre, figlia di Marcello Torre. Abbiamo intervistato Marcello Ravveduto e Annamaria Torre per farci raccontare le ragioni alla base di questo lavoro e per dipingere la figura del Sindaco, vittima innocente delle mafie, assassinato dalla camorra nel 1980. https://youtu.be/mcuPRgPPQq4

Scritto da

sabato 16 aprile 2016

Nessun Commento

news dai territori

“Non al Sud, non in Calabria, non in Sicilia, ma nel ricco Piemonte, nell’alessandrino, in Bassa Valle Scrivia, a pochi chilometri da Milano”. Secondo quanto segnalato dal Presidio Permanente di Castelnuovo Scrivia è stata scoperta un’altra situazione di sfruttamento a seguito di un blitz dell’Ispettorato del Lavoro e dei Carabinieri. Si tratta di una “cooperativa” che occupava una quarantina di braccianti di origine straniera, per lo più marocchini, a capo della quale vi era un cittadino straniero, anch’egli di origine marocchina. Su domanda dei padroni delle aziende agricole che ne facevano richiesta questi braccianti venivano impiegati nelle campagne dell’alessandrino e del pavese....

Scritto da

giovedì 28 aprile 2016

nessun commento all’articolo
di Giulia Molli Ha saputo catturare e mantenere viva l’attenzione del pubblico, durante tutta la durata del suo intervento, Davide Mattiello la sera del 23 Aprile, in occasione degli eventi organizzati a Villadossola per la Festa della Liberazione.  L’onorevole, membro della Commissione Antimafia, invitato da Libera, ha voluto subito mettere in relazione Libera e il movimento partigiano e l’ha fatto raccontando la storia di Placido RizzottoPlacido Rizzotto, di origine siciliana, fu partigiano durante la Seconda Guerra Mondiale; finito il conflitto tornò nella terra natìa dove, da convinto sindacalista, si impegnò in favore del movimento contadino e continuò la sua lotta nonostante le intimidazioni di Cosa Nostra, che...

Scritto da

venerdì 29 aprile 2016

nessun commento all’articolo
È a un punto di svolta il processo abbreviato di Bloodsucker, il filone che comprende gli imputati più importanti, tre Di Giovanni sui cinque coinvolti. Il Pm Ciro Caramore ha presentato le sue richieste, tra cui la più pesante riguarda Pino Di Giovanni: 11 anni e un mese di reclusione per i reati di associazione a delinquere, estorsione, usura e porto abusivo d’armi. Rispettivamente di 6 anni e 6 mesi e di 4 anni sono invece le richieste per il fratello Francesco e per il nipote Giuseppe. La parola passa ai difensori, che risponderanno alle accuse il 5 maggio. La cronaca di Marco Benvenuti su La Stampa del 27 aprile:

Scritto da

giovedì 28 aprile 2016

nessun commento all’articolo
“Liberazione in Festa” è un evento che vuole introdurre una particolare prospettiva all’interno delle celebrazioni dell’Anniversario della Liberazione d’Italia, promuovendo il protagonismo delle nuove generazioni e creando uno “spazio comune” animato da tutte le associazioni che oggi in Canavese si riconoscono nei valori costituzionali. Il 25 aprile rappresenta l’occasione per riaffermare i principi della Giustizia, la Solidarietà e la Pace che permettono di praticare un vivere comune basato sul dialogo e l’ascolto reciproco. In una società come la nostra, che sempre di più patisce a causa della frammentazione dei legami sociali, ribadire questi valori diventa necessario e inevitabile se si vuole...

Scritto da

mercoledì 20 aprile 2016

nessun commento all’articolo
La lunga scia della corruzione, dell’inquinamento e del malaffare. Legambiente presenta i numeri e le storie dell’altra faccia dell’oro nero. Il 17 aprile votiamo si al referendum sulle trivelle per dare un segnale chiaro e inequivocabile sulla politica energetica che vogliamo. Il settore delle estrazioni di petrolio e gas è in assoluto tra i più a rischio corruzione, con un tasso del 25% di corruzione percepita (dato Trasparency). L’alta propensione alla corruzione nel settore delle estrazioni di gas e idrocarburi è dovuta principalmente alla sproporzione tra la forza contrattuale ed economica messa in campo dagli operatori economici titolari e/o gestori degli...

Scritto da

martedì 12 aprile 2016

nessun commento all’articolo